La scelta di un termosifone rappresenta un aspetto essenziale nella realizzazione di un impianto di riscaldamento.
Si tratta dell’elemento che irradia il calore nell’ambiente circostante e dunque il materiale con cui viene realizzato, prima ancora delle sue dimensioni, deve essere valutato con attenzione.

Tipi principali di radiatori

Come detto la prima caratteristica che li distingue è il materiale con cui vengono realizzati. Principalmente quelli adoperati nella loro costruzione sono ghisa, alluminio e acciaio.
Vediamo insieme in breve le principali caratteristiche termiche e meccaniche di questi materiali

I radiatori in alluminio sono molto leggeri e si riscaldano rapidamente. Il rovescio della medaglia è che si raffreddano altrettanto velocemente, quindi una volta spenti non emetteranno calore a lungo.

Diverso, e per certi versi opposto, il funzionamento dei termosifoni in ghisa, materiale molto pesante ma che ha una proprietà molto importante: elevata conducibilità termica, ovvero cede il calore molto lentamente. In altre parole, impiega molto tempo a riscaldarsi ma una volta spento continuerà ad irradiare calore.

A metà strada tra le due soluzioni, c’è quella che impiega l’acciaio. Questo materiale permette di riscaldare più rapidamente della ghisa ma ha un costo notevolmente superiore.
Alluminio e acciaio, inoltre, consentono di sfruttare, per irraggiare l’ambiente, tutta la loro superficie ed hanno una malleabilità tale da permettere elaborazioni anche complesse con realizzazione di elementi di design.

Come scegliere il radiatore adatto alla propria abitazione

Viste per sommi capi le caratteristiche principali dei radiatori e le loro conseguenti differenze, ci chiediamo qual è il miglior compromesso?

Come sempre non c’è una regola e vanno considerate le varie esigenze: ad esempio per coloro che trascorrono molto tempo all’interno della propria abitazione (ad esempio anziani o casalinghe) è evidente che i termosifoni in ghisa sono da preferire viste le proprietà termiche del materiale; per chi, invece, lavora ed ha bisogno che la casa si riscaldi in tempi brevi, l’alluminio rappresenta senza dubbio la scelta migliore.

C’è poi la questione dei costi. I radiatori in ghisa hanno un prezzo decisamente basso, mentre quelli in alluminio costano leggermente in più.
Il miglior compromesso a livello di prestazioni in termini di calore irradiato e rapidità di riscaldamento dell’ambiente è il radiatore in acciaio. Quest’ ultimo, però ha un costo più elevato.

In conclusione

I radiatori che troviamo oggi in commercio sono per la maggior parte in alluminio, più adatti a chi trascorre poco tempo in casa ed a chi si trova in condominio. La ghisa, oramai, è poco utilizzata se non in abitazioni vecchie.L’acciaio, infine, rappresenta la miglior scelta possibile.
Tra i vantaggi di questa tipologia di riscaldamento, c’è la facilità di reperire i vari elementi anche nei grandi negozi di fai da te (come Brico, Leroy Merlin, ecc). Come marche la scelta può spaziare da uno dei classici come Ferroli, a Global, fino a Faral per restare nel made in Italy.

Guida Riscaldamenti casa

Guida Caldaia

Torna alla sezione principale Riscaldamento elettrico.