La sicurezza sui pagamenti con carta di credito deve essere garantita sia online, che nel caso di uso in modo più tradizionale. Alla prima esigenza Mastercard ha risposto con il sistema 3d secure code (incrocio di controlli e dati tra password liberamente scelte e i dati della carta stessa), mentre per l’uso più classico alla tecnologia chip&pin si aggiunge il sistema “paypass”.

Come funziona la tecnologia Mastercard Paypass?

La risposta è più semplice di quello che si possa credere. Attraverso un sistema di comunicazione a corto raggio, che sfrutta il principio delle onde radio, infatti, i dati della carta vengono ‘semplicemente’ trasmessi ai pos abilitati per i pagamenti “pass” o contactless.

In sostanza ciò che caratterizza questo sistema è la mancanza di contatto tra la carta di credito ed il pos, evitando il passaggio di mano tra il titolare della carta di credito stessa e colui che è abilitato a ricevere il pagamento tramite l’uso del pos. Ci sono dei dispositivi che devono essere messi in condizione di sfruttare la tecnologia paypass, ovvero vanno attivati di volta in volta per il servizio, ma nella maggior parte dei casi basta semplicemente avvicinare la carta (ad esempio una Postepay evolution) al lettore perché questi attivi il servizio, così da far andare a buon fine il pagamento. In ogni caso, prima di procedere all’uso, è bene chiedere se è possibile effettuare il pagamento con Mastercard paypass.

Con il pagamento di Mastercard pass meno code e più sicurezza

Al momento in Italia vige il limite di 25 euro per poter effettuare il pagamento in modo veloce, senza il rilascio dell’apposito scontrino previsto con il pagamento con le carte di credito. All’estero, in molti Paesi il massimale è più elevato, e soprattutto le principali catene si sono organizzate per incentivare questo sistema, così da accorciare le code nelle casse.

Una realtà che sta approdando anche nel nostro Paese, al momento battuta dalla catena di supermercati Carrefour che, tramite la Mastercard pass Carrefour card, oltre al pagamento “rapido”, prevede anche un sistema di sconti, pari al 10% sulla spesa in giorni prefissati. Una via che a breve verrà seguita anche da altri grandi gruppi commerciali (che sono in grado di spuntare condizioni più vantaggiose, come il canone zero della carta stessa).Ricordiamo infine che l’ultima frontiera in termini di pagamenti rapidi anche per Mastercard è rappresentata dal Near Fiel Communications (NFC), che consente di effettuare transazioni mediante l’utilizzo di smartphone.