Number26 Bank o N26 è una nuova realtà finanziaria che, come tutte le novità, ha suscitato immediatamente una certa attenzione da parte del pubblico. Dal momento in cui si è affermata ad oggi ha reso anche molto ‘indaffarati’ i siti di recensioni, vista la grande attenzione da una parte riservata dal pubblico e dall’altra la poca chiarezza che ha caratterizzato i costi e i servizi realmente proposti.

Tra l’altro l’Italia è entrata a far parte dei Paesi che permettono l’apertura di un conto N26 solo da qualche tempo, il che ha però offerto maggiore tempo per poter capire meglio ciò che di buono o di meno valido questa società è in grado di offrire ai propri utenti.

Requisiti necessari per poter utilizzare Number26

Uno dei punti di forza di N26 deriva dalla rapidità tramite la quale è possibile aprire il proprio rapporto con la società, e iniziare a spendere i propri soldi tramite i servizi di pagamento che vengono messi a disposizione. Effettivamente sono necessari pochi passi, che possiamo riassumere nel seguente modo:

  1. si deve andare sul sito di N26 direttamente o tramite uno dei banner collegati al sito (possibile con pc o direttamente con smartphone);
  2. una volta entrati si deve selezionare la voce “apri il conto”;
  3. si devono compilare i vari spazi tenendo sotto mano pochi dati essenziali che sono: documento di identità valido; codice fiscale; numero di telefono che deve rientrare tra quelli accettati per prefisso (non sono accettati comunque i numeri di cellulare internazionali).

E’ importante, per gli utenti italiani, che sul documento sia riportato che si è residenti in Italia e, come accennato, anche il numero di cellulare deve essere italiano (non importa l’operatore). Bisogna essere inoltre maggiorenni (dimostrabile sia con codice fiscale che documento di identità). Al momento come documento è accettata solo la Carta di Identità (per il futuro potrebbero esserci degli ampliamenti, accennati come anticipazioni ma senza specificare quando ciò sarà possibile). Infine bisogna anche avere uno smartphone Android o iPhone in grado di supportare l’app N26, visto che si tratta di un presupposto obbligatorio.

Se dovesse mancare anche solo uno di questi requisiti non si potrà portare avanti la procedura. Non sono previste invece valutazioni sul merito creditizio del richiedente e, visto che non è contemplato il rilascio di una vera e propria carta di credito, non ci sono cause ostative che impediscano la richiesta da parte di protestati o cattivi pagatori.

Conto online completo?

I conti correnti online si sono evoluti ed oggi sono in grado di offrire addirittura remunerazione sulle giacenze e accesso a fidi e prestiti (come esempi troviamo Widiba, Webank ma anche CheBanca). Ovviamente N26 è un conto online ma manca di queste caratteristiche, quindi non può essere considerato in partenza un vero conto corrente completo. Ad esempio è privo di qualsiasi possibilità di ottenere remunerazione sulle possibili giacenze, e ci sono dei limiti, anche piuttosto invasivi, sugli stessi servizi ai quali si può accedere (con il conto N26 non si possono avere né vero bancomat e né una vera carta di credito).

Per poter effettuare i pagamenti in modo fisico si potrà contare su una carta prepagata Mastercard, che sarà offerta con caratteristiche differenti (tra due versioni) in funzione del tipo di conto che si dovesse scegliere: Standard o Black. Infine ci sono le limitazioni che condizionano il suo utilizzo, ad esempio per pagare imposte e tasse e per fare pagamenti più specifici e meno generici.

Differenze tra i costi del conto standard e di quello Black

Quando si sta perfezionando la richiesta di apertura del conto di Number26 si dovrà scegliere tra un conto standard, che ha il pregio di essere a costo zero, e una versione premium che viene indicata e distinta con il nome di Black. Per questo è previsto un contributo mensile di 5,9 euro al mese. Come solo beneficio in più rispetto alla versione standard c’è il pacchetto assicurativo che viene offerto grazie ad un accordo con Allianz, atto a proteggere gli acquisti ed i prelievi che coinvolgono l’impiego del conto stesso.

Nonostante le recensioni su questo conto siano spesso in disaccordo, diventano quasi tutte unanimi nel sostenere che quasi 6 euro al mese di “obolo” da pagare per avere una copertura assicurativa che molte banche comprendono all’interno della propria carta di credito, spesso in modo del tutto gratuito, è decisamente eccessivo. Tra gli altri costi vanno considerati anche:

  • 2 euro per i prelievi effettuati con la prepagata Mastercard (pagamento dovuto a partire dal sesto prelievo mensile in poi visto che i primi 5 sono sempre gratis);
  • 1,75% di commissione sui pagamenti fatti con valuta diversa dall’euro.

E’ quindi chiaro che i costi siano solo di due tipi: quelli relativi all’uso della carta, e quelli legati al pacchetto assicurativo. In una possibile scelta quindi difficilmente potrà essere considerata vantaggiosa la versione Premium, che non garantisce una maggiore libertà di uso e di spesa (neppure quando l’impiego avviene all’estero).

Cosa si deve fare per poter aprire il conto?

Il sistema prevede una procedura interamente guidata, dove però si verificano a volte degli intoppi a causa di piccoli errori. Per poter rispettare la tempistica di soli 8 minuti di attivazione e apertura indicati da N26 basterà però seguire questi semplici passaggi:

Procedura guidata

  1. Una volta avviata la procedura di registrazione, cliccando sul pulsante “apri conto” bisogna inserire un indirizzo e-mail valido (arriveranno i link di attivazione e autenticazione quindi si deve scegliere un indirizzo e-mail che si utilizza in modo più frequente). Qui si dovrà inserire anche il Paese di residenza. Non si deve commettere l’errore di inserire Italia poiché il sistema non lo riconosce anche se la schermata è interamente in italiano. Si dovrà inserire “Italy”. Si deve quindi selezionare “continua”;
  2. non ci sono inserimenti da fare ma semplicemente riconfermare la volontà di voler proseguire, che viene formalizzato selezionando “facciamolo”;
  3. ogni spazio obbligatorio va completato con i propri dati di tipo personale;
  4. per poter accedere al proprio conto saranno sempre richiesti username e password. La scelta dovrà comprendere non meno di 7 caratteri, e tra questi almeno uno deve essere numerico e uno deve essere costituito da una lettera maiuscola;
  5. bisognerà inserire il numero di telefono impiegato sullo smartphone all’interno del quale viene installata l’app;
  6. a questo punto è necessario inserire l’indirizzo di residenza dove ricevere la carta Mastercard;
  7. si deve finire di completare la parte “legale” indicando il sesso (maschio o femmina), il tipo di occupazione, la città di nascita e di cittadinanza;
  8. l’inserimento è invece solo opzionale per il codice fiscale;
  9. si devono infine dare le approvazioni per la privacy.

Terminata la fase di registrazione si dovrà seguire la procedura per l’autenticazione della mail, e poi dei dati personali. Quest’ultima prassi richiede l’uso della webcam, ma si dovrà solamente seguire le azioni richieste come l’esibizione del proprio documento quando richiesto nella videochat.