L’estate si avvicina a grandi passi, avete controllato i vostri condizionatori? Godono di buona salute? Molto probabilmente se stai leggendo questo articolo o non avevi idea che un condizionatore potesse necessitare di manutenzione o hai bisogno di qualche dritta per poter eventualmente procedere in autonomia.

In realtà la nuova normativa impone l’installazione dei condizionatori da addetti specializzati. Non più improvvisazioni e fai da te, insomma.
Ciò non toglie che alcune cose possano essere fatte in autonomia.

Obblighi di legge

Il decreto del 2009 stabilisce che le macchine per il condizionamento devono essere sanificate con scadenza periodica, in particolare ogni due anni.

Inoltre è bene verificare che non ci sia alcuna perdita di gas. A tal proposito è caldamente consigliato far verificare da una persona qualificata il vostro impianto (vedi anche Attivazione gas).
In soldoni la manutenzione ordinaria dell’impianto costa mediamente dai 100 ai 130 euro , mentre se avete bisogno di far verificare il gas refrigerante un addetto specializzato potrebbe chiedervi una cifra appena superiore ai 100 euro. Si tratta di cifre indicative e medie (ci possono essere delle discrete differenze tra Roma e Palermo, o tra Napoli e Milano).

Manutenzione fai da te

Chiaramente effettuare la manutenzione dei climatizzatori d’aria è un fatto essenziale per salvaguardarne il buon funzionamento.
Inoltre, un’unità ben pulita e mantenuta contribuisce a mantenere salutare l’aria che viene elaborata e di conseguenza introdotta negli ambienti ed a ridurre o comunque mantenere bassi i consumi (vedi anche Tariffa luce bioraria).

Pulizia filtri

La primissima cosa da fare è la pulizia dei filtri. L’aria che viene trattata dal condizionatore è ricca di impurità. Se vi dimenticate di pulire i filtri o addirittura di sostituirli se sono completamente sporchi rischiate seriamente di creare gravi danni alla vostra unità.
Per cui tramite il manuale localizzateli e puliteli con cura, il vostro condizionatore vi ringrazierà.

Manutenzione unità esterna

Se l’unità esterna è posta su un balcone di casa ed è accessibile potete procedere ad una pulizia di massima. È sufficiente rimuovere la griglia per accedere alle pale del motore. Per la loro posizione i motori esterni sono soggetti alle intemperie ed è facile avere le pale completamente ricoperte di polveri e smog. Cercate di pulirle meglio che potete in modo che non incontrino resistenza nella loro rotazione. Questo permetterà alla macchina di lavorare meglio senza aumentare i consumi.

Se non utilizzate il condizionatore come pompa di calore in inverno il consiglio è di ricoprire l’unità esterna con un telo in modo da evitare depositi di polvere.

Concludendo

I condizionatori sono ormai parte integrante dell’arredamento delle nostre abitazioni. Il loro utilizzo è semplice così come la loro manutenzione. Se volete prolungarne la vita operativa non dimenticatevi mai quei pochi accorgimenti che possono fare la differenza.

Approfondimenti

Torna alla pagina principale della sezione: Come ridurre i consumi del condizionatore.