La crisi economica iniziata nel ‘lontano’ 2007 è lungi dall’essersi conclusa. E mentre il settore industriale è in difficoltà e ogni giorno si ha notizia di questa o di quella fabbrica che chiude, è possibile ‘inventarsi’ un nuovo lavoro divertente e redditizio. Ecco come ‘riciclarsi’ e ricevere in modo semplice ed immediato il compenso per l’attività svolta.

La crisi? Non è uguale per tutti

Quello che mi colpisce, di questa crisi, è la differenza enorme con cui colpisce le persone. Conosco molti amici in grande difficoltà a causa del lavoro perduto e la cosa mi dispiace. Ma conosco altre persone che prosperano e incrementano i propri redditi anche in momenti come questo. Tieni presente che le grandi aziende americane sono nate proprio durante la Grande Depressione degli anni ’20 del secolo scorso, in ‘barba’ a qualunque difficoltà economica.

Nei momenti di crisi le persone sono confuse, hanno bisogno di una guida e di un indirizzo. E chi sa essere ‘avanti’ con i tempi riesce a fare business e a lavorare mentre il vicino di casa si dispera e oscura il dispiacere di aver perso il lavoro con il fumo di una sigaretta.

Ma quale lavoro puoi inventarti oggi?

Il mondo è piatto

Cristoforo Colobo partì per la sua missione oltre mare nel 1492 con lo scopo di dimostrare che la Terra era sferica. Oggi, invece, il mondo in cui viviamo è diventato piatto. Grazie alle nuove tecnologie, infatti, hai a disposizione:

  • un mercato planetario facilmente accessibile
  • degli strumenti informatici che ti permettono di realizzare cose che una volta erano impensabili (vedi anche Lavorare come Web Writer).

Ti faccio subito un esempio. Da ragazzo amavo dare ripetizioni agli studenti delle scuole medie e superiori. I miei ‘clienti’ erano gli studenti del mio quartiere. Guadagnavo qualche cosa, è vero, ma non riuscivo a fare uscire uno stipendio. Inoltre dovevo avere un locale a disposizione nel quale ricevere i ragazzi. Non era bello dare ripetizioni sul tavolo della cucina mentre la mamma preparava l’arrosto.
Se oggi vuoi dare ripetizioni il tuo bacino di utenti è rappresentato dagli studenti di tutto il mondo.

Grazie ad un pc connesso ad internet e ad una webcam puoi tranquillamente dare ripetizione a studenti in tutto il mondo che parlano italiano usando il software gratuito Skype. E se conosci l’inglese il tuo target crescerà ancora di più. Puoi fare consulenza o fare ‘coaching’ in tempo reale a costo zero con una persona che vive in Alaska senza doverti nemmeno muovere dal tuo studio.

Quale lavoro fa per me?

Dove si nascondono oggi le migliori opportunità per lavorare? Credo che anzitutto tu debba prendere in considerazione i servizi alla persona, o consulenze di vario tipo che siano facilmente ‘esportabili’ e trasmissibili via internet.

Ma voglio fare con te un passo avanti e regalarti alcune attività che puoi intraprendere via web. Si tratta di lavori che richiedono investimenti minimi, ma che se curate con passione, preparazione ed attenzione, potranno dare grandi risultati:

  • Salute. Nonostante la crisi le persone sono attente alla propria salute e al proprio benessere. Puoi occuparti di alimentazione, di fitness, di cure omeopatiche, di erboristeria, ecc…
  • Animali. Chi possiede un animale domestico rinuncia a mangiare pur di non fare mancare nulla al piccolo. Puoi insegnare come prendersi cura di un piccolo animale (cane, gatto, pesce rosso, pappagallo, rettili, ecc…)
  • Sport. Puoi vendere programmi di allenamento personalizzati e seguire una persona che voglia intraprendere un’attività sportiva da adulto;
  • Hobby. Fotografia, informatica, astronomia, ecc… sono tutti hobbies di nicchia che vengono ‘seguiti’ da persone normalmente benestanti che risentono di poco o nulla della crisi.

Come posso farmi pagare?

Il problema, per chi lavora con tutto il mondo, è quello di ricevere pagamenti. Fino a che i tuoi clienti sono in Italia non avrai problemi a ricevere un bonifico, ma se stai addestrando un cinese all’utilizzo del Photoshop, come farai a farti pagare?

I modi per ricevere micropagamenti sono essenzialmente due:

  • pagamento con carta di credito su circuito Paypal
  • accredito su carta ricaricabile

Nel primo caso sia tu sia l’acquirente dovrete avere un conto gratuito su Paypal. Poi l’acquirente inserirà il numero della sua carta di credito sul circuito ed autorizzerà l’addebito sulla stessa per il pagamento della prestazione. Tu, invece, riceverai l’accredito sul tuo conto Paypal che potrai poi successivamente ‘scaricare’ facendoti arrivare i soldi direttamente sul tuo conto corrente.

Usando una carta prepagata dotata di codice Iban, invece, darai all’acquirente il numero del codice abbinato alla carta stessa e riceverai l’accredito direttamente sulla carta.

Infine, puoi usare una carta prepagata su Paypal, così da ricevere i pagamenti direttamente sulla carta invece che sul conto corrente. Quando vorrai scaricare il tuo conto Paypal ti basterà chiedere il bonifico a favore della carta prepagata e riceverai i soldi direttamente su di essa.