Oramai la connessione internet è un must, qualcosa di cui non si può fare a meno. Fino ad oggi la maggior parte dei providers ha fornito ai suoi utenti proposte per i dispositivi mobili (smartphone in primis) prettamente legate alle chiamate agli sms. Ovviamente con l’avvento di internet e nondimeno con l’aumentare della velocità di connessione (vedi 4G LTE) è evidente come le richieste stiano cambiando .

Non più ‘maggiori’ chiamate ed sms (questi ultimi oramai praticamente inutilizzati), bensì velocità e maggiore disponibilità della propria connessione.
Ecco allora che finalmente i maggiori attori del settore stanno intervenendo sulle loro offerte cercando di dare maggiore spazio alla connessione dati più che ad altri aspetti.

Le offerte di Wind

In questo periodo Wind (vedi Internet mobile Wind) pubblicizza le sue nuove proposte facendo leva su connessioni illimitate (sia per la ricaricabile che per l’abbonamento). Non a caso la tariffa basilare è denominata “Internet no stop“. Anche se c’è da dire che la proposta risulta un pò fuorviante. Il traffico reale a disposizione è, infatti, pari a 1 Gb esauriti i quali si può continuare a navigare ma ad una velocità molto ridotta attorno ai 32 kbps (non proprio il massimo). In ogni caso il costo è limitato (5 euro mensili per intenderci) vista la mancanza del ‘fardello’ di chiamate ed Sms. Se poi avete bisogno anche di telefonate e messaggi ci sono altre offerte più complete ma il principio alla base della connessione dati è il medesimo.

Le offerte di Tim

La Tim (vedi Internet mobile Tim) si fa forte, invece, della connessione 4G Lte. Le proposte sono differenti a seconda del traffico massimo disponibile (2, 5 e 10 Gb) con prezzi a salire da 10 euro fino a 30 euro per avere i 10 Gb.
Insomma anche in questo caso pur avendo maggiore disponibilità nei ‘tagli proposti’ non si tratta di internet completamente illimitato.

Le offerte di Vodafone

Concludiamo questo breve excursus con l’altro grande provider di servizi internet. Vodafone si mantiene sulla stessa linea di Tim con la differenza che per la cifra massima del rivale (30 euro) consente di avere ben 20 Gb di traffico dati (vedi Internet mobile Vodafone).

Concludiamo dicendo che non c’è ancora l’effettiva intenzione di dare all’utente una connessione dati illimitata ma ci si muove comunque in quella direzione. Il perché è da ricercare probabilmente nell’enorme rete di interessi che si nasconde dietro le compagnie telefoniche. Che fine farebbero, infatti, le linee telefoniche fisse?
A voi la risposta.