Tra le scelte più difficili che ci si trova a dover affrontare annoveriamo sicuramente l’operatore per la connessione internet dell’abitazione.

Una volta trovato un provider, spesso ci si chiede se valga la pena cambiare ed a che prezzo. Rivolgersi a promotori di offerte internet casa particolarmente vantaggiose ha i suoi rischi. Perchè è vero che si risparmia ma certamente il servizio dal punto di vista qualitativo non potrà essere di livello elevato. Come a dire nessuno ti regala niente.

Alcuni parametri di valutazione per scegliere l’operatore giusto

Una delle prime cose da valutare nella scelta del provider è la velocità della connessione. Sembrerebbe facile ma non è così. Molti operatori promuovono connessioni Adsl ad elevate prestazioni (20 Mb) ma poi la reale velocità va misurata sul campo. Verificate leggendo sui forum che le velocità e anche le coperture siano degne di quelle sponsorizzate. Se cercate la fibra ottica allora possiamo consigliarvi vivamente di far riferimento a Telecom e Fastweb, in quanto sono gli unici providers ad avere una rete propria.

Altro aspetto importante è sempre legato alle prestazioni. Se decidete di affidarvi ad un provider Wholesale (un esempio si ha con Tre), che si appoggia alla rete Telecom in tutto e per tutto, prestate particolare attenzione visto che Telecom stessa potrebbe limitare la banda in favore dei suoi utenti diretti. Se, invece, il provider è ULL ovvero condivide con telecom solamente l’ultimo miglio di linea ma ha le sue centrali private, non dovreste notare dei particolari cali di rendimento (vedi Differenza tra Ull e Wholesale).

Scelta del tipo di connessione

C’è poi tutto un capitolo relativo alla scelta del tipo di connessione. Adsl, fibra ottica, connessione via satellite o tramite tecnologia WiMax?

E qui la domanda che dovete porvi è la seguente: quali sono le mie abitudini quotidiane di navigazione? In altri termini a cosa mi serve la connessione internet? Datevi una risposta perchè questo incide e non poco sulla scelta del tipo di connessione e conseguentemente del provider a cui appoggiarvi.

Una piccola nota sul servizio WiMax. Si tratta di un tipo di connessione senza fili che si basa su trasmissione del segnale via antenna. Diciamo che è a metà strada tra una linea Adsl ed una connessione mobile (vedi Migliori tariffe internet mobile). Ha il vantaggio di non richiedere una linea telefonica, ma badate bene, può dare problemi sia per interferenze sia per saturazione della rete. In generale vi possono dare una velocità di connessione non superiore ai 7 Mbps.

Valutazione dei costi

Infine, quando valutate la scelta del provider fate particolare attenzione a tutti i costi. In modo particolare i costi di attivazione e disattivazione, l’affitto del modem e i servizi accessori. Spesso le compagnie si divertono ad inserire servizi non propriamente utili o comunque non richiesti.

Se vi si propone una tariffa scontata verificate attentamente per quanto tempo e quale sarà in realtà il costo effettivo dell’abbonamento per non trovarvi brutte sorprese, e se c’è la possibilità di assorbire i costi della componente mobile (come nel caso di Wind e Tim).