La “novità” dell’internet banking non si è esaurita, così come preventivato dalle banche tradizionali ed a darne prova è il semplice fatto che persino gli istituti di credito storici, come Mps, Bnl, Unicredit, Credem, ecc si sono adoperati per offrire un servizio di gestione del conto corrente (ma anche conto deposito, conto trading, investimenti, ecc) tramite l’accesso alla banca dal web.

Oggi si può parlare di una rivoluzione riuscita da parte delle banche online, ed anche se non sempre il beneficio c’è stato sui costi, comunque i clienti delle banche ci hanno guadagnato in termini di tempo e facilitazione nell’espletare una serie abbastanza ampia di operazioni direttamente online.

Caratteristiche dell’internet banking: gratuito ma non sempre

Ci sono diverse opzioni collegate all’apertura di un conto corrente, ed anche se l’internet banking è ormai praticamente sempre previsto, non è detto che si tratti di un servizio a costo gratuito. Ciò vale sia nel caso in cui sia previsto un costo specificatamente previsto per poter usufruire dei servizi diretti della banca online, che nel caso in cui si parli di “canone di gestione fisso” che comprende anche l’internet banking.

Inoltre bisogna controllare quali siano le limitazioni sia a livello di operatività in sé (ad esempio quali siano le operazioni che possono essere svolte con accesso all’home banking),e sia a livello quantitativo (ad esempio se è previsto un numero massimo di operazioni nel canone, dopo di che si applica una commissione fissa per ogni operazione eccedente). Ed infine c’è l’aspetto collegato al costo delle singole operazioni non comprese nel canone: nella maggior parte dei casi restano fuori dalla gratuità:

  • i bonifici;
  • alcuni pagamenti di tributi (come Rav e mav);
  • alcune disposizioni particolari come il pagamento dei bollettini.

Caratteristiche dell’internet banking e sicurezza

I protocolli di sicurezza adottati dalle banche oggi sono a livelli molto elevati, tramite l’impiego di particolari programmi che proteggono il conto online, ma a condizione che si rispettino le indicazioni offerte dalla stessa banca nell’impiego dei codici, e soprattutto nelle procedure con cui fare login e logout.

Le banche usano differenti livelli di sicurezza: quelle più attente alla sicurezza utilizzano ben tre livelli per poter accedere alla fase di informazione e consultazione (con codice cliente combinato con un altro dato che può essere la data di nascita del cliente oppure una password da lui scelta, e poi un primo codice segreto più o meno personalizzabile), con un altro livello di sicurezza legato all’operatività (con un secondo codice di sicurezza random da token, oppure con combinazione di una serie di codici selezionati a caso dal sistema).

Anche se la sicurezza garantita è sempre elevata, nella scelta della propria banca online o dell’uso dell’internet banking bisogna valutare il tipo di servizio che sembra il più semplice da gestire personalmente.

I servizi dell’internet banking

L’estensione dei servizi di cui si può usufruire tramite un conto corrente dotato di internet banking dipende dalla tipologia di conto scelto e può essere anche di base cioè compreso nella tipologià standard (come avviene in alcuni conti per pensionati, conti per studenti o giovani, completi a livello di operatività bancaria o dotati di conto trading oppure conto titoli, ecc). Non è detto che un conto completo costi di più di un conto base quando si tratta di internet banking, ma bisogna fare attenzione solo ad un aspetto: nella maggioranza dei casi il risparmio dei costi delle operazioni svolte sulla banca online viene depauperato dalle pochissime operazioni che sono fatte da sportello.

Approfondimenti sicurezza: Guida acquisti sicuri online e Miglior internet Provider.