La tecnologia fa passi da gigante e si sviluppa sempre più velocemente, infatti il progresso tecnologico è inarresatabile e ci permette di fare cose impensabili fino a qualche anno fa. I vantaggi che lo sviluppo della tecnologia ha portato con sè sono quindi innegabili e hanno contribuito a migliorare le nostre vite in tutti i campi, purtroppo ci sono, come in tutte le cose, anche degli aspetti negativi alcuni dei quali preoccupano coloro che sono particolarmente sensibili alle tematiche ambientali.

Internet e inquinamento

Infatti uno dei lati negativi dello sviluppo tecnologico è il conseguente aumento dell’inquinamento atmosferico causato principalmente dall’ingente quantità di energia necessaria a far funzionare le apparecchiature elettroniche, per cui assistiamo ad un aumento delle emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera; da questo processo non si sottrae una delle invenzioni più importanti del secolo scorso, internet.

La rete globale infatti è di sicuro uno strumento fondamentale per rimanere in contatto con il resto del mondo ed è diventata parte integrante della vita delle maggior parte degli abitanti del pianeta ma al tempo stesso, secondo uno studio, rappresenta anche la causa principale dell’emissione del 2% del totale di C02 in tutto il mondo, e si prevede che questa percentuale sia destinata a raddoppiare entro il 2020.

Nello specifico è stato calcolato che l’utilizzo del web causa l’emissione di oltre 830 milioni di tonnellate di anidride carbonica ogni anno, un dato che purtroppo viene trattato poco (se non addirittura ignorato) dagli organi d’informazione ma che preoccupa molto gli ambientalisti e coloro a cui interessa combattere il fenomeno dell’inquinamento.

Perchè internet inquina e quanto

Per poter usufruire delle innumerevoli opportunità offerte dalla rete dobbiamo naturalmente utilizzare un dispositivo tecnologico che avrà bisogno di energia elettrica per funzionare; quindi i nostri pc, tablet e smartphone ogni giorno consumano enormi quantitativi di elettricità che al giorno d’oggi viene ottenuta principalmente mediante l’utilizzo di combustibili fossili che sono altamente inquinanti e rilasciano nell’atmosfera anidride carbonica in grande quantità ed altre emissioni inquinanti.

Per fare degli esempi concreti possiamo dire che un utente che rimane connesso per 100 ore al mese produce in un anno 86.4 chili di C02, così come chi invia 500 email al mese ne produce in un anno 114 chili, chi guarda 100 video al mese su Youtube produce 43,2 chili annui  mentre un sito internet che riceve centomila visite mensili emette nell’atmosfera 288 chili di anidride carbonica all’anno.

Consigli utili per ridurre l’inquinamento

Dato che per ovvi motivi non è possibile smettere di utilizzare internet per fermare le emissioni inquinanti, possiamo tuttavia utilizzare alcuni piccoli accorgimenti che contribuiscono a ridurre l’impatto ambientale dei nostri dispositivi connessi alla rete; ecco alcuni consigli:

  • Evitare di lasciare accesi inutilmente i propri dispositivi come pc, smartphone o tablet, ma anche il router e le varie periferiche che non vengono utilizzate, soprattutto durante la notte; così facendo, oltre a ridurre le emissioni di anidride carbonica è possibile anche risparmiare sulla bolletta dell’elettricità dato che si va a consumare un quantitativo inferiore di corrente elettrica
  • Al momento dell’acquisto scegliere quando è possibile dispositivi e componenti a basso consumo energetico informandosi prima in modo da valutare attentamente i prodotti da comprare
  • Utilizzare lampadine a risparmio energetico per illuminare la propria postazione di lavoro
  • Evitare se possibile di stampare documenti a meno che non sia strettamente necessario farlo, e in tal caso prediligere la modalità di stampa “economica” utilizzando il foglio su ambo i lati, sia fronte che retro

Chi è sensibile alle tematiche ambientali dovrebbe cercare di seguire queste semplici regole che possono contribuire a ridurre l’inquinamento, anche se il singolo individuo può fare poco da solo se in molti si adoperassero per salvaguardare di più l’ambiente si potrebbe migliorare la situazione e rendere il nostro pianeta più pulito e libero dall’inquinamento.