Una connessione ADSL è presente nelle case della maggior parte della gente ormai, e ci permette di navigare su internet senza limiti a velocità più o meno elevate in base al tipo di contratto stipulato con il provider e ad altri fattori come la qualità dei doppini in rame, la distanza dalla centrale eccetera. Quello che molti non sanno però è che esistono anche delle alternative alle connessioni ADSL o fibra ottica. Quella di cui adesso parleremo è conosciuta con la sigla HDSL.

Che cos’è l’HDSL?

La sigla HDSL è l’acronimo di “High data rate Digital Subscriber Line” e sta ad indicare una tecnologia nata più di 30 anni fa (quindi antecedente all’ADSL) con lo scopo di  migliorare notevolmente la velocità delle connessioni alla rete internet che si basano sui doppini telefonici in rame, consentendo di navigare ad una velocità che può toccare gli 8 mb simmetrici sia in download che in upload e di poter disporre di una connessione che rimane sempre attiva ed è più stabile rispetto alla normale ADSL.

Per poter utilizzare la tecnologia HDSL è però necessario dotarsi di un modem specifico particolarmente costoso da collegare ad un router, il che rende questo tipo di connessione poco adatto per gli utenti privati a cui non converrebbe molto acquistare questo modem dal prezzo elevato. Inoltre è possibile usufruire solo del traffico dati e non quello voce anche se viene supportata la tecnologia Voip che consente di effettuare chiamate utilizzando la linea internet, ad esempio con programmi come Skype.

La caratteristica principale che distingue l’HDSL è il fatto che questa tecnologia funziona tramite doppini dedicati per ogni singolo utente, a differenza dell’ADSL che utilizza la condivisione del segnale a banda larga tra più utenti, ciò rende l’HDSL mediamente più veloce e solida aiutata anche dal fatto che, essendo un tipo di connessione solo dati, non viene utilizzata la banda anche per il traffico voce.  Questi fattori consentono quindi a questo tipo di linea di garantire una velocità minima elevata nel contratto e una velocità media che si avvicina molto più al picco teorico rispetto all’ADSL.

Vantaggi e svantaggi

Se andiamo a valutare quindi con attenzione le caratteristiche dell’HDSL possiamo sicuramente riscontrare aspetti sia positivi che negativi, soprattutto se facciamo un confronto con l’ADSL. La tecnologia HDSL può vantare una stabilità della connessione maggiore e prestazioni più vicine al picco teorico ed è per questo considerata come la migliore alternativa alla fibra ottica ed è particolarmente consigliata per le aziende e coloro che sono interessati ad un piano tariffario di tipo business.

Purtroppo però bisogna fare i conti anche con gli aspetti negativi, principalmente di natura economica dato che per usare l’HDSL bisogna acquistare un costoso modem da collegare ad un router, e le tariffe non sono proprio convenienti per un privato. Inoltre con questo tipo di connessione si può utilizzare solo il traffico dati e non quello voce.

In conclusione si può dire quindi che l’HDSL va presa in considerazione nel caso in cui ne abbiate bisogno per la vostra azienda o per una linea business, invece se vi serve una normale linea privata casalinga sarà meglio attivare una tradizionale ADSL.