La storia di Fastweb inizia nel 1999 con il nome di e.Biscom, con il focus del proprio business incentrato sulla comunicazione e connessione tramite fibra ottica. Solo nel 2004 la società attuale ha assunto di nome di Fastweb, cambiando anche leggermente la propria missione, che parzialmente si è allontanata dall’uso della “sola” fibra ottica. Nell’arco di quasi un quinquennio l’offerta ha in parte dirottato verso la connessione con Adsl (e le offerte come Jet e Superjet rientrano in quest’ottica) ed in parte verso la ricerca di nuove modalità di comunicazione, come nel caso dell’ultima arrivata: Fastweb Mobile.

Comprendere questo cambio di passo e di scelta strategica, anche per la determinazione degli investimenti destinati proprio alla connessione in fibra, può essere di aiuto nel cercare di comprendere la qualità che ci si può aspettare da prodotti come la Fastweb Superjet, che risulta abbastanza lontana proprio dalla promessa di anticipare il futuro con prodotti e servizi in anticipo sui tempi.

Cosa offre l’offerta Superjet?

Si tratta di un servizio di connessione che tramite la tecnologia voip permette anche di sfruttare la componente telefonica. Nel particolare la Fastweb Superjet si basa sulla tecnologia fibra o Adsl “fuori copertura” diretta. Quindi la velocità massima a cui si può ambire in questo caso è ben lontana dai 200 mega previsti per la fibra ‘classica’ (nel caso di Fastweb con attivazione dell’Ultra fibra al costo di 5 euro ogni settimana ove il servizio è coperto), ma che rimane comunque intorno ad un decoroso 20 Mega.

Come per la maggior parte degli altri provider si parla di ‘velocità sulla carta’ visto che tutto dipende dalla velocità di navigazione di cui si potrà usufruire laddove si usa la fornitura del servizio (che come noto dipende da numerosi fattori ‘accessori’). Prima di abbonarsi lo stesso sistema online presente sul sito, oppure l’operatore Fastweb, devono fare una valutazione della velocità “stimata” di connessione.

Qui però bisogna fare molta attenzione. Infatti spesso gli utenti esternano delle opinioni fortemente negative considerato il fatto che la velocità di connessione è condizionata anche dagli orari in cui avviene il test. Quindi si possono avere valori molto differenti nell’arco della giornata, magari con le sacche di congestione concentrate proprio sugli orari in cui si desidera navigare. Per evitare questo problema, che potrebbe spingere anche a fare una scelta errata, è consigliato ripetere il test in vari momenti della giornata, della serata e possibilmente anche per le fasce notturne. Spesso infatti risulterà che si ha una velocità di navigazione ben lontana dagli attesi 20 Mega.

Comunque a seconda della tecnologia presente nel luogo in cui si utilizza la connessione Fastweb Superjet la velocità massima (non coincidente con quella garantita) sarà:

  • 30 mega in download e 10 mega in upload con fibra Ftth;
  • 20 mega in download e 1 mega in upload con adsl;
  • 200 mega in download e 20 in upload in fibra con tecnologia ultra fibra.

Tornando all’offerta in sé, con la Fastweb superjet si ha la linea flat sia per la connessione che per le chiamate. Il costo è in promozione per i primi 12 mesi, ma con tariffe differenti a seconda che si sia o meno clienti Sky (riprendendo una lunga tradizione di accordi che nel recente passato hanno toccato anche Enel).

Costi e tariffe

Se si aderisce alla promozione (accessibile solo per chi sceglie di pagare le bollette con carta di credito o con addebito in conto corrente) si hanno due possibili prezzi:

  • per i non clienti di Sky il costo applicato ogni 4 settimane è per i primi 12 mesi 25 euro, poi sale a 39 euro;
  • se si è clienti Sky i primi 12 mesi si dovranno pagare, sempre ogni 4 settimane, 20 euro al mese. Al superamento del primo anno permane uno sconto di 4 euro ogni 4 settimane, portando il canone da 39 a 35 euro.

Non è previsto un contributo di attivazione, e per il periodo promozionale, ovvero il primo anno, nelle telefonate senza costo sono comprese anche quelle internazionali fatte su rete fissa (per un totale di 1000 minuti di conversazione ogni 4 settimane). Se si superano i 1000 minuti gratis (dopo i 12 mesi gratis si deve attivare l’opzione al costo di 5 euro per continuare ad avere la franchigia del mille minuti gratuiti) si dovranno pagare 21 centesimi di scatto alla risposta e si avrà l’applicazione della tariffa che va da un minimo di 17 centesimi ad un massimo di 3,02 euro (Attenzione: per i satellitari si superano abbondantemente i 7 euro a minuto).

Approfondimento: Promozione Fastweb Sky.

Nel dettaglio le tariffe, in funzione della zona di destinazione della chiamata su fisso sono:

Zona
Tariffa a min
Internazionale 1
0,17
Internazionale 2
0,35
Internazionale 3
0,36
Internazionale 4
0,45
Internazionale 5
0,71
Internazionale 6
1,15
Internazionale 7
1,39
Internazionale 8
3,02
Internazionale 9
7,56

In alternativa si potrà avere a disposizione il servizio digital gratis per i primi 12 mesi al termine dei quali si ha la disattivazione automatica. Nel canone è compreso il modem Fastgate che permette di collegare fino a 126 apparecchi contemporaneamente.

Svantaggi e rapporto qualità prezzo

Le offerte Fastweb riescono a suscitare delle opinioni molto diverse. Normalmente coloro che hanno la copertura con la fibra e l’ultra fibra si ritengono molto soddisfatti. Nel caso invece di connessione Adsl fuori copertura generalmente gli utenti si dicono insoddisfatti. Il problema nasce dal fatto che le tariffe di partenza sembrano buone, ma a fronte di velocità troppo ridotte ci si trova costretti a dover pagare per un servizio che non mantiene assolutamente ciò che sembra promettere. Poco condivisibile anche la scelta (ahimè effettuata da un numero crescente di provider) di fare la fatturazione su 4 settimane anziché sul mese solare.

Conclusioni

La Fastweb Superjet è un’offerta che non spicca per qualità in un mercato che si sta facendo sempre più animato. L’aspetto più interessante infatti sta nel servizio collaterale del servizio fedeltà e del sistema a premi che recentemente ha ottenuto un altro riconoscimento. Tuttavia il rischio è quello di risparmiare un pochino all’inizio, così da essere invogliati a cambiare providers, per poi ritrovarsi con un tipo di connessione totalmente inadatta alle proprie reali necessità.