L’energia eolica consente di produrre elettricità sfruttando le correnti d’aria: da un punto di vista prettamente tecnico è più giusto affermare che un impianto eolico converte l’energia cinetica in elettrica.

Un po’ di storia

Le prime applicazioni pratiche di cui si ha nota nel corso della storia sull’energia eolica riguardano il settore navale: fin dai tempi più antichi la potenza del vento, mediante l’ausilio di vele, veniva utilizzata come propulsore per le imbarcazioni.

Altro impiego degno di nota è quello dei “mulini a vento”, soprattutto in Olanda, utilizzato per migliorare le prestazioni inerenti la trattazione dei cereali e per drenare l’acqua.

Perché conviene l’eolico?

L’energia eolica è un’alternativa valida ai tradizionali combustibili fossili per le seguenti ragioni:

  • È abbondante;
  • È rinnovabile;
  • È pulita, infatti non produce assolutamente gas serra. Ovviamente questo dato è riferito all’ impianto in funzione e quindi non considerando la produzione delle pale in alluminio;
  • È distribuita in modo eguale su tutto il territorio;
  • Rappresenta un investimento remunerativo per l’utente: addirittura da recenti studi risulta che nell’arco di 4-5 anni c’è un ritorno quasi doppio della spesa iniziale.

A chi è rivolto l’eolico?

Quando ci riferiamo agli impianti eolici in realtà facciamo riferimento ad una macro-categoria che comprende la fattispecie del mini-eolico. Proprio per tale ragione, questa tecnologia è rivolta praticamente ad ogni tipologia di utenza, cioè:

  • Piccole e grandi imprese;
  • Aziende agricole;
  • Investitori pubblici e privati.

Dov’è conveniente installare il mini-eolico?

Essenzialmente la convenienza è commisurata in relazione ai seguenti elementi:

  • Stima della produttività della zona: solitamente l’investimento in questa tecnologia è conveniente solo in siti in cui la velocità media annua del vento si attesta intorno ai 5m/s;
  • Vicinanza alla connessione della rete: in particolare la linea di allacciamento non deve distare più di 500 metri per gli impianti di mini-eolico e 1000 metri per le installazioni di grandezza media;
  • Nessun ostacolo.

Per valutare questi aspetti sono richiesti molti studi da parte dell’operatore adibito al completamento del progetto, in particolare l’analisi anemologica.