Ogni qualvolta si sottoscrive un abbonamento ad un provider di servizi telefonici non si pensa quasi all’ eventuale procedura di disattivazione ed ai relativi costi.

Soprattutto quando si acquista un’offerta come quelle proposte da Linkem sarebbe bene avere chiaro anche questo aspetto.
Essendo una linea non tradizionale, ma una linea che sfrutta la propagazione delle onde con collegamento a Tecnologia Wimax, niente di strano che possiate riscontrare delle differenze tra velocità di navigazione riportata nell’offerta ed effettiva velocità misurata (vedi anche Problemi connessione adsl) .

Se rientrate in questa casistica o semplicemente non siete soddisfatti per qualsiasi altro motivo vi spieghiamo in breve cosa fare per disdire la vostra offerta.

Procedura per recedere dal vostro contratto Linkem

Potete recedere dal contratto Linkem anche prima dell’attivazione. Online, sul sito del provider alla sezione modulistica (http://help.linkem.com/hc/it/articles/219052117-Modulo-rinuncia) scaricate il modello rinuncia e compilatelo accuratamente. Qui potete specificare la motivazione indicando se si tratta di problemi tecnici o altro.

Se avete stipulato un contratto con Linkem e non sono ancora trascorsi 14 giorni dalla stipula del contratto avete la possibilità di disdire la linea senza alcun costo.
Vi basterà inviare l’apposito modulo di recesso, scaricabile da http://help.linkem.com/hc/it/articles/218553798-Modulo-recesso compilato in tutte le sue parti.

Se sono passati i fatidici 14 giorni ma sono comunque trascorsi meno di 24 mesi dovete, invece, compilare il modulo di disdetta, reperibile da http://help.linkem.com/hc/it/articles/219052107-Modulo-disdetta. All’interno oltre ai dati anagrafici dovrete anche indicare il motivo dell’interruzione scegliendo tra diverse opzioni tra cui, trasferimento in area non coperta da Linkem, prestazioni internet non soddisfacenti, problemi economici ed altre. In questo modo l’azienda cerca anche di capire le motivazioni dei sui clienti, fatto comunque apprezzabile.

Infine, superati i 24 mesi l’utente può scegliere se rinnovare o meno senza ovviamente avere costi aggiuntivi, ad eccezione delle spese per la restituzione del modem tramite corriere (5 euro).

Costi di disattivazione

Premettendo che se recedete prima di 14 giorni dalla stipula del contratto non pagherete nulla, in generale sono distinti a seconda del tipo di modem che avete scelto. In particolare se avete attivato una linea Linkem senza limiti con modem da interno e lo disattivate entro i primi 24 mesi pagherete 50 euro, se avete un modem da esterno il costo raddoppia (100 euro).

Oltre i 24 mesi non avete costi aggiuntivi tranne i 5 euro per la restituzione del modem. Se, invece, decidete di non restituire il modem che Linkem fornisce in comodato d’uso, l’azienda si tratterà 100 euro come penale.
Per concludere sappiate che se la vostra disdetta deriva da disservizi potete richiedere il rimborso.

Approfondimenti: costi e condizioni recesso
Disdetta Fastweb
Disdetta Telecom
Disdetta Wind Infostrada
Disdetta Tiscali
Disdetta Linkem
Disdetta TeleTu