La velocità della connessione internet è uno dei principali crucci che ci si assillano quando dobbiamo cambiare abitazione. Sarò coperto dalla linea Adsl o meglio dalla fibra ottica?

In Italia come ben sappiamo siamo un pò indietro se consideriamo la diffusione delle reti internet sul nostro territorio, per cui porsi la domanda è più che lecito soprattutto se andiamo ad abitare in zone un pò isolate.

Ma come facciamo a verificare l’attuale copertura della fibra ottica in Italia?

Innanzitutto dobbiamo individuare il provider (vedi Miglior internet provider) con il quale vorremmo attivare l’offerta internet. Le più importanti aziende che permettono di avere la fibra ottica in Italia sono Tim, Fastweb, Vodafone ed Infostrada.

Da qui è sufficiente andare sul sito del provider nella sezione apposita e compilare la scheda in cui viene richiesto di inserire l’indirizzo in cui verrà fornito il servizio e altri dati utili. Proseguendo, dopo aver inserito il codice di sicurezza, vi si presenterà una schermata con le offerte per la fibra ottica o quelle dell’Adsl se il territorio non è raggiunto dalla fibra.

I migliori providers a cui affidarsi nelle diverse regioni

Ha molta importanza, ed è necessario valutarla con attenzione, non solo la copertura ma anche l’affidabilità del provider sia in termini di assistenza che di servizi.

Per questo motivo se vi trovate nel nord Italia avete sicuramente più libertà di scelta. In Piemonte ed in Veneto non sbagliate se scegliete Fastweb così come in Lombardia, nell’Emilia Romagna ed in Toscana.
Al centro, in particolare Roma, prevale Telecom così come nelle due isole maggiori. Al sud c’è anche Wind Infostrada oltre a Telecom.

Mappa delle città raggiunte dalla fibra di telecom

Guardando la mappa aggiornata delle città raggiunte dalla fibra si evince quanto sia ancora lunga la strada per avere una copertura uniforme del servizio in Italia. Al nord Italia sono molti i centri che possono contare sulla fibra mentre centro e sud italia continuano ad arrancare.

Fanalino di coda la Sardegna con soli tre centri in cui è possibile far uso della connessione migliore.

Col passare degli anni tutte le più grandi società di telefonia stanno puntando verso la fibra incrementando le velocità ed aggiornando le linee. Questo sta portando allo sviluppo di una rete più capillare con Telecom che entro il 2018 dovrebbe incrementare il numero dei centri urbani raggiunti dalla fibra portandolo a 40.

Concludendo

In Italia la situazione purtroppo non è assolutamente consona allo standard europeo. Basti pensare che la percentuale di abitanti che nel nostro paese può avere a disposizione una connessione con velocità pari o superiore a 30 Mbps è solo del 22.3% contro la media europea del 64%. Così come solo il 2% può vantare velocità delle rete attorno ai 100 Mbps contro il 6% circa del resto d’Europa.

Inoltre entro il 2020 l’unione Europea ha stabilito che i cittadini debbano avere a disposizione connessioni ad almeno 30 Mbps e il 50% arrivi a 100 Mbps

Chissà se ed in quanto tempo anche in Italia si potrà viaggiare alle giuste velocità. La strada pare ancora molto molto lunga.