Siete stufi del caldo cittadino in pieno Agosto? I ventilatori ormai non vi soddisfano più ma non volete intaccare le pareti di casa per creare un impianto ad hoc?

Non disperate, un’alternativa c’è: i condizionatori portatili.
Saper scegliere quello più consono alle vostre esigenze è molto importante e in queste righe cercheremo di darvi alcune dritte.

Monoblocco o split?

La prima distinzione è quella tra condizionatore monoblocco e condizionatore con split. I primi sono più semplici e hanno solamente un tubo che deve essere collegato verso l’esterno. Gli altri sono più complessi e presentano un’unità esterna che consente di poter utilizzarli anche come pompe di calore durante l’inverno. Le due unità sono ovviamente collegate tra loro da apposita tubazione.
Se oltre ad avere l’esigenza di raffreddare un ambiente avete anche quella di riscaldarlo la soluzione con split è sicuramente un buon compromesso.

Potenza e consumi energetici

Altri due parametri fondamentali nella scelta di una pompa di calore sono la potenza, normalmente espressa in Watt, ed il consumo energetico ovvero la classe energetica di appartenenza del prodotto.

Il potere refrigerante è spesso utilizzato al posto della potenza specifica e si misura in BTU. La conversione tra Watt e BTU è semplice, 1 Watt corrisponde a 3421 BTU.
Se volete avere un ordine di grandezza di quale potere refrigerante avete bisogno per il vostro ambiente riportiamo qui di seguito una tabella esemplificativa.

Metri cubi dell’ambiente Potere refrigerante necessario (BTU)
< 70 6000 – 7000
70 – 90 9000 – 10000
90 – 120 12000 – 14000
120 – 180 18000 – 20000

Per quanto concerne la classe energetica inutile dire che più si sale meglio è. Un classe A è già un buon punto di partenza.
Per ridurre i consumi è meglio indirizzarsi verso una macchina inverter (vedi anche Come funziona un condizionatore inverter) in quanto una volta raggiunta la temperatura desiderata riduce i consumi del 30% rispetto ad un condizionatore “on/off” (vedi anche Enel bolletta online).

Occhio alla rumorosità

Aspetto da non trascurare. Normalmente la maggior parte dei prodotti in commercio presenta valori di rumorosità compresi tra 40 e 50 db. Ma se siete disposti a spendere qualcosina in più potete trovarne anche a 30 e 35 db. Un condizionatore silenzioso è spesso una condizione fondamentale se si tratta di un appartamento in condominio.

I principali vantaggi di un condizionatore portatile

Rispetto ad un condizionatore fisso, il condizionatore portatile consente di refrigerare ambienti di piccole dimensioni con un notevole risparmio energetico in quanto hanno potenze più calibrate. Il primo, infatti, ha consumi più elevati e risulta quindi poco efficiente.

L’altro evidente vantaggio è la facilità di trasporto, cosa non possibile con un condizionatore fisso (facendo comunque le opportune differenze tra quelli con e quelli senza tubo).

Prezzi e prodotti validi

I prezzi sono variabili a seconda della classe energetica, della potenza e della tecnologia utilizzata. Si va da prodotti da 250 euro fino anche ad oltre 1000.
I marchi più noti oltre a De Longhi sono Olimpia e Argo.

Approfondimenti

Torna alla pagina principale della sezione: Come ridurre i consumi del condizionatore.