In Italia le carte ricaricabili sono molto utilizzate soprattutto per la grande diffusione che negli anni passati ha avuto soprattutto la Postepay di Poste Italiane e il successivo arrivo di carte ibride e carte conto, capaci di aumentarne le possibilità di “impiego”. La grande popolarità di questa tipologia di sistemi di pagamento viene limitata spesso nell’uso solo da un’osservazione, molto “italiana”: la carta prepagata non ha generalmente i numeri in rilievo. Ma questo che cosa implica e quali limitazioni costringe a dover subire?

Spesso si sente dire che una carta prepagata con i numeri in rilievo, come ad esempio la Viabuy o Soldo, viene accettata anche per il noleggio auto o per acquistare e prenotare un viaggio, ma è davvero così? Cerchiamo di capire che cosa c’è di vero, e quali sono le differenze di cui dobbiamo tener conto.

Differenza tra le prepagate con i numeri in rilievo e le carte di credito

Per molti anni le informazioni fornite ai titolari di conti correnti e di carte di pagamento sono state scarse e poco chiare. Oggi ci sono ancora “istruzioni” vaghe sulle funzionalità di alcuni servizi e soprattutto una certa confusione sulle differenze che ci sono tra carta di debito, carta di credito e carta prepagata. Proprio in quest’ottica per fornire delle indicazioni distintive generali, a lungo è stato consigliato di guardare semplicemente le tesserine plastificate:

  • se è riportato il circuito Mastercard o Visa e ci sono i numeri in rilievo si tratta di una carta di credito;
  • se non ci sono i numeri in rilievo, indipendentemente dal circuito riportato sulla carta sicuramente si tratterà di una debit card o una ricaricabile.

L’arrivo di carte di stampo più “inglese” come la Viabuy, la Soldo e in generale la prepaid Mastercard, hanno messo in discussione prima, e in crisi poi, questo semplicistico sistema di classificazione. Infatti il look di una carta può essere ingannevole, e bisogna andare a fare una valutazione sul funzionamento per poter distinguere nettamente a quale categoria apparterrà quella card.

Per ‘fortuna’ questa confusione provoca problemi anche a chi deve accettarla per un pagamento come nel caso dell’ipotesi del noleggio auto. Le carte con i numeri in rilievo sono infatti generalmente accettate con la sola condizione che ci sia copertura sufficiente sul plafond di cui sono dotate (e di cui le abbiamo ricaricate). Questa è una delle ragioni per cui i sistemi in Italia spesso permettono anche a bancomat, soprattutto inglesi, di essere usati per poter noleggiare un’auto. In parole semplici, i sistemi non sono adeguati per entrare nel merito del tipo di carta che viene presentata, e il solo aspetto può spingere l’operatore a procedere ugualmente con l’operazione richiesta.

Eppure le differenze sono nette e non andrebbero sottovalutate, quando si decide di puntare interamente sull’uso di una prepagata magari durante un viaggio all’estero: i sistemi qui sono abituati a valutazioni differenti, per cui prima di partire è bene informarsi e vedere se non si avranno dei problemi. E’ comunque necessario avere un approccio meno rigido e scegliere di usare in primis la propria prepagata con i numeri in rilievo e poi, se ci dovessero essere problemi, esibire la carta di credito da utilizzare come ‘riserva’.

Noleggio auto e prepagate: quando è possibile

Una delle discussioni che viene più spesso aperta nei vari forum è quella sulle possibilità di ottenere un noleggio auto se non si ha una carta di credito. A riguardo il consiglio principale rimane quello di scegliere una prepagata con i numeri in rilievo un aspetto che, come visto in precedenza, rende le varie operazioni molto più semplici. Tuttavia ci sono varie compagnie di noleggio che stanno stringendo accordi per accettare anche prepagate senza numeri in rilievo, applicando condizioni più restrittive e costi più elevati.

Dove trovare prepagate con numeri in rilievo?

In Italia la prassi non è ancora affermata. Infatti è possibile ottenere questo tipo di carte rivolgendosi a società straniere (anche se alcune hanno sede in Gran Bretagna ma i fondatori sono italiani), che sono regolarmente registrate e sicure. Tra queste società troviamo:

  • la PPRO Financial Ltd, che è la società che emette e gestisce i servizi di Viabuy;
  • Soldo financial Service Ltd (la carta Soldo viene messa dalla Paysafe Financial Ltd) che emette le carte Soldo e Soldo Family;
  • Paysafe Financial Service Ltd che gestisce i servizi Neteller e le carte Neteller +;
  • Number 26 Bank che gestisce le carte N26 standard e Black.

In tutti questi casi (ad eccezione di N26) , chiedendo una carta prepagata automaticamente si avrà tra le mani una carta dotata di numeri in rilievo. Tra l’altro queste card hanno un vantaggio che non presenta la maggioranza di carte prepagate rilasciate dalle banche in Italia: sono collegate a un conto elettronico che permette di usare dei canali ‘alternativi’ per i trasferimenti (un aspetto che solleva anche dal peso dei costi di ricarica). Non solo sempre tramite il ‘conto online’ è possibile ottenere una carta aggiuntiva (nel caso di Soldo Family si può arrivare fino a 4 carte collegate allo stesso conto). Infine alcune di queste carte mettono a disposizione dei propri titolari servizi a prezzi ridotti quando l’uso avviene all’estero, il che le rende molto apprezzate da chi viaggia molto.

Altro aspetto comune di queste carte sta nel fatto che la richiesta va fatta comodamente online, e generalmente l’invio della card avviene nel giro di pochissimo tempo. Le suddette carta prepagate con numeri in rilievo non necessitano di una valutazione del merito sul credito maturato dal richiedente e possono essere richieste ed utilizzate anche da coloro che sono inibiti dall’uso e possesso di una normale carta di credito.

Carte con numerazione a rilievo

  • Viabuy. Canone di 19.90€/anno e costo di attivazione pari a 69.90€. E’ prevista la possibilità di richiedere carte aggiuntive. Disponibile in due tipologie: Gold e Black. Il plafond può arrivare fino a 50 mila euro;
  • Il debutto è tra i più recenti, ma le carte Soldo si sono affermate con una rapidità quasi senza precedente. Una versione standard e una Family rendono l’offerta più completa e flessibile rispetto a ogni aspettativa. Il sistema che sfrutta l’app per una gestione basata su totale personalizzazione, anche separata tra le differenti carte, e l’assenza di commissioni di cambio valuta, rendono questa prepagata una delle migliori per chi ha figli all’estero, o per chi vuole programmare il budget familiare senza troppi affanni;
  • Le carte Mastercard di N26 presentano l’assenza di costi di prelievo per 5 prelievi al mese. Per il resto riprende nello stile e nelle modalità di gestione ciò che ha fatto Soldo per le sue carte e servizi;
  • Neteller+ è disponibile in una versione virtuale ma anche una fisica. Quest’ultima prevede un costo di emissione di 10 euro e la possibilità di poter effettuare ricariche dal conto elettronico omonimo. Tuttavia ci sono vari limiti, che riguardano sia il numero delle ricariche che i loro importi.

Consigliamo di contattare in via preventiva la compagnia per assicurarsi se la propria carta è accettata o meno, il veicolo sarà noleggiato con carte di debito/prepagate alla sola discrezione dell’agente di noleggio, che può riservarsi il diritto di non consegnare l’auto qualora non ritenga sufficiente la qualificazione del cliente.