Le carte di credito oro offrono dei vantaggi esclusivi, che in parte si rispecchiano nel prestigio e nell’immagine che offrono agli altri, ma che sono riconducibili soprattutto alle corsie preferenziali che possono garantire, alla maggiore sicurezza, e alle condizioni esclusive che in alcuni casi si rispecchiano in programmi di premiazione come ad esempio quella Alitalia e Lufthansa.

Tutto Oro quello che luccica quindi? Il principale problema di una carta Gold sta nei costi, non sempre a buon mercato e nelle condizioni richieste per il loro rilascio (ad esempio nel Private Banking bisogna raggiungere dei livelli di investimento piuttosto elevati).

Ne abbiamo selezionate tre, che riescono ad offrire i maggiori vantaggi, ai costi meno elevati, senza rinunciare ai plus che solo una carta di credito Oro riesce a garantire ai propri titolari, tanto nel caso di una Visa che di una Mastercard.

Queste magnifiche 3 sono: Carta Flexia Gold, Visa Oro di Ing Direct, Libra Gold (disponibile anche nella versione Superior).

Carta Flexia Gold: tre funzioni in una sola credit card

Indubbiamente la migliore carta Oro. Una soluzione in grado di offrire allo stesso tempo la funzione di rimborso a saldo che quella revolving. In più, rispetto a queste due funzioni, c’è anche l’opzione revolving con rata variabile in funzione della durata scelta per il rimborso, potendo scegliere tra 3 mesi,6 mesi, oppure 10 rate,12,15, per arrivare alla durata massima di 20 rate.
(Approfondisci la Revolving Carta Flexia)

Ma questi non sono i soli vantaggi, poiché il plafond è molto ampio, dai 3 mila ai 15 mila euro, e il canone è basso rispetto a card simili, arrivando a 73 euro per la versione principale e 53 euro per quella aggiuntiva. L’anticipo contante presenta una commissione classica del 4% e permette di arrivare fino a 5000 euro al mese. Per le operazioni non in euro la commissione è dell’1,75%, le comunicazioni online sono gratuite e si ha un canale preferenziale per l’assistenza. Non è prevista alcuna commissione di rifornimento carburante Il suo circuito è, a scelta del richiedente, Mastercard oppure Visa e, anche per questo, è accettata facilmente in tutto il mondo. Il tasso applicato per la rateizzazione è in linea con quello medio applicato ai prestiti personali. La Flexia Gold di Unicredit può essere personalizzata con la propria foto.

Visa Oro di Ing Direct: plafond personalizzabile

Tra le migliori Visa Oro troviamo quella che Ing Direct concede ai propri correntisti senza alcun costo o canone di gestione. Una vera e propria eccezione all’interno del panorama delle carte di lusso. Di partenza però si ha una carta di credito, con rimborso solo a saldo con un plafond di massimo 1500 euro. Questo può essere modificato, facendone richiesta alla Banca, che prevede, anche per il suo rilascio e attivazione, accredito dello stipendio e/o saldo di almeno 3000 euro al momento della richiesta oltre ad un saldo medio di pari importo per i 30 giorni precedenti. Il tasso di conversione in valuta è del 2%, con una commissione per l’anticipo contante pari al 4% di importo minimo pari a 3 euro ad operazione.

Libra Gold e Gold Superior: con canone azzerabile

Ubi Banca offre una delle migliori alternative di scelta, con ben due carte di credito Oro, nella versione Gold, oppure Gold Superior (anche private). La scelta del circuito può essere Visa oppure Mastercard.

Per quanto riguarda le caratteristiche di base abbiamo per la versione Libra Gold: Plafond tra i 5200 e i 10 mila euro; commissione cambio valuta 1,75%; canone annuo 70 euro per la principale 25,82 per l’aggiuntiva; azzeramento canone annuale al raggiungimento di 9000 euro di spesa annua; modalità di rimborso a saldo o revolving.

La versione Libra Gold Superior, aumenta i vantaggi collegati all’uso, ma ovviamente prevede un contributo di gestione maggiore. Più nel dettaglio abbiamo: Plafond da 7000 a 100.000 euro; canone annuo per versione retail 85 euro, per la private 99 euro, ma comunque in entrambi i casi l’aggiuntiva costa 25,82 euro all’anno; per azzerare il canone si deve arrivare alla soglia di 15 mila euro spesi; modalità di rimborso solo a saldo; commissione non euro dell’1,75%.
(Vedi anche la Payback di American Express)