La caldaia è lo strumento necessario a riscaldare gli ambienti domestici ed a generare l’acqua calda in casa. Chi è in procinto di installare una nuova caldaia nella propria abitazione o ha deciso di sostituire la vecchia caldaia, può affidarsi alla nostra mini-guida in cui si valuteranno, passo a passo, i consumi di ogni singolo strumento: solo in questo modo si potrà chiarire quale genere di caldaia consuma meno, se quella elettrica, a gas od a pellets (vedi anche Guida al calcolo della bolletta dell’acqua).

Nome offerta
Easy Web gas e luce
Edison
Link Gas e Luce
Led per Casa Gas e Luce
Componente Luce
0,052 €/Kwh
0,042 €/Kwh
0,043 €/Kwh
0,063 €/Kwh
Componente Gas
0,24 €/Kwh
0,255 €/Kwh
0,28 €/Kwh
0,22 €/Kwh

Caldaia elettrica: costi e consumi

Una caldaia elettrica ha solitamente costi d’acquisto compresi in una fascia di prezzo abbastanza ampia: tutto dipenderà dal genere di caldaia che si sceglie di installare; tale scelta sarà una conseguenza della potenza di cui si necessita, a sua volta valutata in base alle dimensioni della casa. Solitamente, per un’abitazione di 50/60 mq si può optare per una caldaia elettrica con potenza compresa fra i 5 e i 6 Kw/h, e costi d’acquisto variabili fra i 400 ed i 700€, mentre se il riscaldamento deve essere garantito ad un’abitazione di 150 mq è indispensabile optare per una caldaia da 14/15 Kw/h (preferibilmente a condensazione) che costerà ovviamente di più: sui 1.000/1400€.

Installando una caldaia elettrica si rientra nelle tariffe D2 e D3 previste dall’Autorità Garante dell’Energia Elettrica, del Gas e del Sistema Idrico, le quali hanno costi molto alti che si attestano intorno ai 0,12c€/Kwh.

In definitiva l’utente che consumerà fra i 4.500 e i 7.500 Kwh all’anno potrà spendere fra i 1.200 e i 2.500€.

Caldaia a gas: costi e consumi

Secondo il modello prescelto, una caldaia a gas ha un costo che oscilla fra i 500 e i 1.500€ che possono anche raggiungere i 2.000€ nel caso in cui si preferisca una caldaia a gas a tenuta stagna da installare in giardino o su un balcone scoperto. A questi costi, vanno poi aggiunte le spese per l’installazione che dipendono sostanzialmente dal manutentore, ma che solitamente non superano mai le 500€.

Sia nel caso di una nuova installazione, che nel caso della sostituzione di una vecchia caldaia con una caldaia a maggior risparmio energetico, il consumatore può avvalersi del “Bonus Gas 2015” (vedi anche Come funziona il Bonus Energia?) previsto dalla legge, che agevola chi migliora il consumo energetico dotandosi di apparecchiature più nuove e che quindi consumano meno.

Possiamo affermare che a livello di consumi una caldaia a gas risulta più economica di una elettrica, innanzitutto per il fatto che ad essere più economica è la materia prima, ovvero il metano. Il prezzo del gas metano, attualmente, si aggira intorno ai 0.73€/Smc, ciò equivale a dire che nella peggiore delle ipotesi, rispetto a coloro che posseggono una caldaia elettrica, i consumatori che hanno dotato la propria abitazione di una caldaia a gas possono avere un risparmio che si aggira sui 350-400€ all’anno.

Caldaia a pellets: costi e consumi

Il pellets sembra essere la nuova frontiera del riscaldamento, soprattutto dal punto di vista ambientale, visto che la materia prima è appunto il pellets, costituito dagli scarti ottenuti dalla lavorazione del legno. I costi per l’acquisto e l’installazione di una caldaia a pellets partono dai 2.500€ per arrivare ai 4.500/5.000€. Si tratta di una soluzione costosa all’atto dell’acquisto, ma detraibile, grazie alle agevolazioni fiscali previste dalla legge sul risparmio energetico, la quale prevede un rimborso del 65% speso.

Per calcolare i costi del consumo di una caldaia a pellets basti pensare che per produrre con il pellets tanta energia quanta ne produce un metro cubo di metano serviranno 2 chili di combustibile. Se il costo del metano ad oggi è attestato a 0,73€/Smc quello di 2 chili di pellets è pari a 0,45/0,48€: il risparmio è evidente e si configura intorno al 30/40%.

Tra energia elettrica, gas metano e pellets, per ora, non c’è partita: il pellets non solo si propone come il combustibile più ecologico ma anche come il più economico, anche se al momento, l’acquisto e l’installazione di una caldaia di questo genere restano le più dispendiose, nonostante le agevolazioni. Di contro la scelta sui migliori marchi, come valliant, beretta, ecc, permette di ottenere molto spesso rateizzazioni a tasso zero.

Guida Caldaia

Guida Riscaldamenti casa

Torna alla sezione principale Riscaldamento elettrico.