L’autolettura del gas è una delle operazioni che sempre di più vengono sponsorizzate dai vari fornitori. Perchè viene così incentivata l’autolettura?
Vediamo prima alcune nozioni base sulle modalità con cui si esegue questa operazione.

Come funziona l’autolettura

Il funzionamento della lettura dei contatori è molto semplice. In primo luogo ciascuna società (quindi valevole tanto per Eni, Enel, Acea Energia, Iren Mercato, Hera com, ecc), appartenga alla maggior tutela o al mercato libero, fa si che un addetto della rete di distribuzione vada a leggere i contatori almeno una volta all’anno.

Nello specifico, la frequenza di lettura da distributore dipende dalla tipologia di utente. In particolare per un’utenza con un consumo annuo fino a 500 smc la lettura viene effettuata una volta l’anno, due letture l’anno per clienti con consumi fino a 5000 smc e una lettura al mese in caso di consumi superiori ai 5000 smc.

Ogni utente ha la possibilità di effettuare in maniera autonoma la comunicazione della lettura del gas. Le società in ogni bolletta indicano qual è la fascia temporale entro la quale comunicare il fatidico numerino. La frequenza dipende ovviamente dal tipo di fatturazione del contratto scelto. Occhio che se non lo fate rischiate di trovarvi in fattura un consumo non reale magari superiore a quello effettivo.

Come effettuare l’autolettura

Effettuare l’autolettura è semplice. Se avete un contatore vecchio, ormai probabilmente saranno pochissimi, dovete unicamente prender nota delle cifre bianche su sfondo nero. Nel caso di contatore moderno dovrete, invece, scorrere fino a trovare i valori che rappresentano il consumo.

Una volta che vi siete annotati le cifre avete due opportunità: collegatevi al sito del vostro fornitore e eseguite la procedura online, oppure chiamate il numero del servizio clienti e comunicate a voce la lettura.

Alcuni motivi per cui conviene fare l’autolettura

Il primo motivo per effettuare periodicamente l’autolettura è ovviamente quello di avere in fattura i consumi esatti che avete effettuato. Nessuna sorpresa, dunque, tutto esattamente come nella realtà.

Un altro aspetto è che eseguendo con periodicità il controllo dei consumi si riesce a risparmiare perchè magari ci si rende conto che è stata superata una data soglia che vi eravate prefissati. Insomma è un modo per tenere sotto controllo la propria spesa soprattutto nel periodo invernale.

Un grande incentivo viene fornito anche dalle stesse società che spesso propongono dei pacchetti con uno sconto sulla bolletta se si attivano i servizi di autolettura online.

Concludendo

Può sembrare un ulteriore impegno ma l’autolettura è un ottimo strumento per tenere sotto controllo la propria spesa ed evitare spiacevoli sorprese in bolletta.