In Italia la qualità delle linee adsl casalinghe continua ad essere inferiore rispetto a quella degli altri paesi principalmente a causa di infrastrutture obsolete e scarsi investimenti da parte del governo. La situazione è invece decisamente migliore se si parla delle reti mobile che vengono potenziate ed aggiornate molto più di frequente. La prossima novità per quanto riguarda le connessioni in mobilità sarà l’arrivo delle rete super veloce Lte Advanced che è già stata presentata come una vera e propria rivoluzione.

Quando e dove sarà disponibile?

La tecnologia Lte Advanced sarà disponibile nel nostro paese a partire da gennaio 2015 e fin dal via potrà essere utilizzata in più di 1000 comuni, anche se c’è già stato un assaggio delle potenzialità di questo nuovo tipo di connessione qualche settimana fa a Torino in un negozio Tim dove è stata testata in via sperimentale. I provider promettono velocità elevatissime grazie all’utilizzo della tecnologia “carrier aggregation” che permette di utilizzare in contemporanea due bande di frequenza differenti (1800 Mhz e 2600 Mhz) ottimizzandole in modo che la navigazione risulti estremamente fluida.

Quanto sarà veloce?

Di solito anche le connessioni adsl più veloci non superano i 20 mb al secondo, e per raggiungere i 100 mb è necessaria una connessione in fibra ottica anche se come purtroppo tutti sanno la velocità effettiva delle connessioni è quasi sempre inferiore rispetto a quella nominale a causa di molteplici fattori come la distanza dalla centrale o il pessimo stato dei cavi che portano il segnale. Per quanto riguarda l’Lte Advance Tim assicura che si partirà già da una velocità di ben 180 mb al secondo in download con la possibilità di raggiungere in futuro addirittura i 300 mb.

Vantaggi e svantaggi

Questa nuova tecnologia porterà con sè quindi innumerevoli vantaggi, innanzitutto permetterà di raggiungere velocità di connessione che non sono mai state toccate prima nel nostro paese rendendo disponibile una connessione performante anche a chi non riesce ad usufruire di una linea adsl casalinga. Inoltre secondo un’indagine il 69% degli utenti connessi ad internet ha l’abitudine di guardare brevi video in rete, mentre il 50% ha l’abitudine di guardare in streaming film completi o serie tv intere e adesso grazie all’Lte Advance sarà possibile usufruire di contenuti video in alta definizione anche nel formato 4k, caratterizzato da una risoluzione 4 volte maggiore rispetto al full HD.

Per quanto riguarda gli svantaggi bisogna fare i conti con le limitazioni delle connessioni mobile, dato che i contratti proposti dai provider prevedono un limite di dati mensili che nel migliore dei casi arriva al massimo a 30 gb, ma che in media è nettamente inferiore e questo limite rischia di essere raggiunto in pochissimo tempo a causa del pesante volume di dati richiesto dai video in alta definizione.

Inoltre anche se la velocità di connessione è in teoria elevatissima c’è il rischio che non sia sempre stabile a causa ad esempio della scarsa ricezione del segnale, senza dimenticare il problema rappresentato dalla saturazione della banda dato che a mano a mano che crescerà il numero di utenti che utilizzerà questa tecnologia la banda disponibile sarà sempre di meno causando un rallentamento della velocità.

Meglio adsl o Lte Advance?

In conclusione Lte Advance è una tecnologia assolutamente valida e che promette di rivoluzionare il mondo delle connessioni mobile grazie alle alte velocità che permetterà di raggiungere, ma i limiti che porta con sè non le consentono di sostituire definitivamente le tradizionali linee adsl.

Queste ultime infatti anche se più lente possono contare su una maggiore stabilità e sul vantaggio di non avere di solito alcun limite di traffico dati, quindi prima di scegliere a quale tipo di tecnologia affidarvi vi consigliamo di valutare attentamente l’utilizzo che farete della connessione e quali delle loro caratteristiche sono più adatte a voi.